Pizzoccheri della Valtellina

Quando il freddo ti entra fino nelle ossa c’è un unico rimedio per scaldarsi: i pizzoccheri!

 

DOSI PER 4 PERSONE
PRONTO IN 1 h (15’ preparazione, 30’ riposto, 15’ cottura)

 

INGREDIENTI

400 g di farina di grano saraceno

100 g di farina bianca

 

200 g di spinaci o verze

250 g di patate tagliate a cubetti (ca. 1,5×1,5 cm)

 

250 g di formaggio Casera (oppure fontina)

100 g di formaggio grana grattugiato

200 g di burro fuso

 

 

STEP 1: PREPARA L’IMPASTO

In una ciotola mischia le farine ed aggiungi l’acqua; impasta fino ad ottenere una palla di pasta compatta. Mettila a riposare nel frigorifero per ca. mezz’ora avvolta da pellicola trasparente.

 

STEP 2: TAGLIA I PIZZOCCHERI

Stendi la pasta a ca. 2 millimetri di spessore, ricava delle strisce larghe ca. 8 centimetri, spolverale di farina e sovrapponile l’un l’altra tagliandole nel senso della larghezza per ottenere delle tagliatelle delle dimensioni di  8x 0,5 cm ca.

 

STEP 3: CUOCI I PIZZOCCHERI E LE VERDURE

In una pentola con abbondante acqua salata portata a bollore cuoci gli spinaci e le patate, unendo i pizzoccheri dopo 5 minuti.

 

STEP 4: CONDISCI A VOLONTÀ

Passati dieci minuti, scola verdure e pizzoccheri e mettili in una ciotola.

Cospargili di formaggio e burro fuso.

 

 

CONSIGLIO: i pizzoccheri sono un piatto golosissimo ma altrettanto sostanzioso, ti consiglio di concludere il pasto con qualcosa di fresco e leggero, magari un sorbetto al mandarino? Clicca per la ricetta

 

#getBready & enjoy your meal

Condividi su:

Autore dell'articolo: Aurora

12 thoughts on “Pizzoccheri della Valtellina

    Dario

    (18 febbraio 2018 - 11:27)

    Ciao,
    Fenomenale questa…come verrei volentieri a casa tua a pranzo..
    Complimenti

      Aurora

      (18 febbraio 2018 - 17:35)

      😁😁😁 questi sono andati a ruba Dario!!

    Roberta

    (19 febbraio 2018 - 10:01)

    Buongiorno Ottima idea per un pranzo da re…con questa stagione poi..ad hoc

      Aurora

      (19 febbraio 2018 - 18:04)

      Brava Roberta, concediamoceli!

    Teresa

    (19 febbraio 2018 - 12:34)

    Ciao
    Proverò ..ma questa è la ricetta classica..oppure hia fatto qualche accorgimento??

      Aurora

      (19 febbraio 2018 - 18:25)

      Ciao Teresa! La ricetta segue abbastanza la tradizione, io però nei pizzoccheri metto gli spinaci al posto della verza perché non amo tanto quel dolciastro che lascia in bocca

    Gianna

    (19 febbraio 2018 - 16:14)

    Buon pomeriggio
    Ho visitato con piacere il “tuo percorso”..
    Molto curato…brava

      Aurora

      (19 febbraio 2018 - 18:25)

      Grazie Gianna troppo carina!!!

    Luisa

    (20 febbraio 2018 - 9:40)

    Buongiorno
    Complimenti, ti ” muovi” bene in ogni ramo dell’arte ” mangereccia”
    Continua così

      Aurora

      (20 febbraio 2018 - 17:25)

      Grazie Luisa 😊😍🙏

    mariaisabellyoli

    (23 febbraio 2018 - 15:05)

    You may be familiar with soba (Japanese for buckwheat) noodles, but the European Alps have a history of embracing buckwheat: in Lombardy in Northern Italy, pizzoccheri; in the French Savoie, crozets; and recipes that use either or both to create humble but distinctive comfort foods. Pizzoccheri (peet-zoh-CHAY-ree) is believed to be one of the earliest forms of pasta, as it was cut in pieces or strips from larger sheets of buckwheat lasagna and proscribed in size and shape (2½ inches wide by 3 to 4 inches long) by the Academy of Pizzoccheri in the Lombard village of Teglio. The dish Pizzoccheri alla Valtellina (a reference to the valley which produces the casena and bitto cheeses in the official recipe) is described as early as 1550 in Ortensio Lando’s Catalog of Inventories of Things That May Be Eaten in Italy.

      Aurora

      (23 febbraio 2018 - 15:25)

      Sure! Your comment is amazing! I love pizzoccheri, have you ever tried them? It’s a very easy recipe 😉

Rispondi a Roberta Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *